Bed and Breakfast vicino agli stretti di Giaredo

Muta: accessorio utile per immergersi nelle acque degli Stretti di Giaredo
Muta: un accessorio utile per immergersi nelle acque tonificanti degli Stretti di Giaredo

Gli Stretti di Giaredo: un luogo nel quale l’uomo non ha messo la natura ha avuto modo di esprimersi in tutta la sua bellezza.

Raccontare tutto il fascino che emana non è facile ed anche se le immagini fanno fatica a rappresentare la magia dell’atmosfera all’interno di quei 5 altissimi canyon, digitando in Google “Stretti di Giaredo” di queste ultime ne usciranno centinaia.

Un B&B vicino agli Stretti di Giaredo

Anche questo è l’Eremo Gioioso: la possibilità di godere di un’accoglienza in un luogo  bello e rilassante per di più al centro di una serie di percorsi  naturalistici di grande fascino.

Uno di questi è sicuramente rappresentato dagli Stretti di Giaredo: un luogo suggestivo e nel contempo divertente, con un solo piccolo inconveniente.

Le acque che scorrono fra le sue irte pareti potrebbero infatti essere benevolmente qualificate come “tonificanti”. E lo sono.

Quando ne esci provi un senso di benessere difficilmente descrivibile a parole.

E’ vero, altresì, che mentre in piena stagione estiva chiunque può concedersi un’immersione, negli altri periodi solo ai più temerari è riservata questa esperienza, a meno che…

A meno che non giungano sul luogo attrezzati o non soggiornino presso il B&B Eremo Gioioso.

Infatti, noi, B&B Eremo Gioioso, mettiamo gratuitamente a disposizione le mute termiche, scarpe adatte, caschi e sacca impermeabile, in modo che i nostri ospiti non abbiano ad incontrare ostacoli se intendono vivere anche questa avventura.

Gli Stretti di Giaredo

Credo di non essere lontano dal vero nel pensare che se gli STRETTI di GIAREDO, invece di essere appunto a Giaredo, si trovassero in California, gli amministratori locali avrebbero dovuto prendere seri provvedimenti per adeguare la viabilità in modo da poter accogliere il copioso flusso di visitatori provenienti da ogni dove.

Gli Stretti di Giaredo in compagnia delle guide di Sigeric
Gli Stretti di Giaredo in compagnia delle guide di Sigeric

Ma noi liguri apuani siamo fatti così. Aggiungerei giustamente.

Discreti, misurati.

In una terra di operai, agricoltori e qualche mercante, da sempre priva di industrie, abbiamo oggi la fortuna di vivere in un ambiente intriso di una bellezza delicata  ma che, appunto per questo, mal sopporterebbe, senza compromettersi, una crescita dei flussi turistici, non accompagnata dal contemporaneo adeguamento delle infrastrutture e della rete di servizi.

In realtà questa armoniosa crescita sta avvenendo. Gli Stretti di Giaredo, fino a pochi anni or sono sconosciuti a chi non era del luogo, oggi, sono in grado di attrarre turisti da ogni dove.

Nel contempo si è andato formando un gruppo di giovani e motivate guide, l’associazione SIGERIC/Farfalle in cammino, che, attraverso i loro tour guidati, consentono di massimizzare il piacere ricavabile da questa affascinante esperienza.

Stretti di Giaredo: il luogo

Per secoli, il torrente Gordana con le sue acque, impetuose in primavera, ha scavato spettacolari canyon nella roccia, lungo il tragitto che compie per andare a confluire nel fiume Magra, in prossimità di Pontremoli.

Taluni di questi tratti sono percorribili semplicemente camminando.

Altri necessitano di, sia pur limitate, abilità natatorie ma lungo tutto il percorso si può cogliere un’atmosfera particolare.

Merito anche di un naturale e suggestivo gioco di luci che, dove il torrente ha la possibilità di allargarsi senza ostacoli rocciosi, vengono filtrate dalla copiosa vegetazione presente sulle sponde.

Invece, nei tratti in cui sono ostacolati dalle alte e ripide pareti di roccia, i raggi del sole riflettendosi sui cristalli in esse presenti, si scompongono in mille sfumature.

In tal contesto le immagini dell’acqua, delle pietre e della flora, cambiano continuamente colore e forma, quasi fossero osservati attraverso un naturale e gigantesco caleidoscopio.

La ricetta degli Stretti di Giaredo

Attraversare gli Stretti di Giaredo è una sorta di rimedio naturale.

Fa bene al fisico ed anche allo spirito. Consente di liberare le tossine talvolta accumulate nel vivere quotidiano.

Se questo percorso necessitasse di ricetta, essa sarebbe più o meno così formulata:

Si consiglia di abbandonare per un giorno le consuete abitudini e lasciar correre la fantasia agevolandone il dispiegarsi attraverso l’esplorazione di un’area naturale protetta di rara bellezza: quella degli Stretti di Giaredo.

Pertanto non trascurate di:

Camminare tra le alte pareti di questi meravigliosi canyon, formate da rocce millenarie e multicolori, nuotando nelle acque cristalline  che scorrono al suo interno.

Posologia: almeno una volta all’anno.

Controindicazioni: l’invidia degli amici nel momento in cui ascolteranno i vostri racconti, in proposito.

Gli Stretti di Giaredo possono essere visitati in libertà oppure, come già ricordato, attraverso i regolari tour organizzati dal gruppo di giovani guide, “Farfalle in cammino”, nelle modalità sotto indicate.

Tour Regolari

Tutti i giovedi e sabato da Aprile a Ottobre

  • Ritrovo: ore 9:00, Punto Informazioni Turistiche Pieve di Sorano, Filattiera. Termina alle 14:00 circa.
  • Costo: 32 euro adulti, 20 euro bambini fino ai 12 anni. Include servizio guida, attrezzatura (muta, caschetto e giubbotto salvagente), assicurazione.

Note: E’ indispensabile saper nuotare. Necessarie scarpe da trekking, calze, costume, asciugamano e vestiti di ricambio. L’escursione potrebbe essere annullata in caso di maltempo o variazione del livello dell’acqua.

Tour su prenotazione

L’escursione può essere effettuata anche a richiesta, su prenotazione, per gruppi e famiglie.